Social Media: Le PMI Sono Pronte?

social-media-pmi-pronte

 

PMI e Social Media: mondi ancora apparentemente distanti (almeno in Italia) ma che si stanno avvicinando per rispondere alle necessità promozionali delle piccole aziende.

Se da un lato, ovvero nell’uso privato, il Belpaese rappresenta l’avanguardia nell’utilizzo dei Social Media in Europa, per quel che riguarda l’utilizzo aziendale si sta ancora cercando di uscire dalla fase della sperimentazione basata sul semplice trial and error.

Le PMI hanno bisogno di essere presenti ed attive sui media sociali non solo per ottenere maggiore visibilità ma anche, e soprattutto, per chiudere maggiori vendite. Su questo ultimo punto c’è stata di recente un’accesa discussione, caratterizzata da opinioni contrastanti tra chi si diceva convinto della bontà dello strumento e chi, invece, diffidente. Non mi voglio dilungare sulla questione, in quanto non rappresenta il fine di questo articolo.

Vorrei invece stimolarti a riflettere su questa domanda: la tua azienda è già pronta per utilizzare con profitto i Social Media?

 

12 INDIZI (SPESSO) FANNO UNA PROVA

 

Qui di seguito ti indico, per punti, gli indizi che dovrebbero farti riconsiderare le tue attuali convinzioni sui Social Media. Ti identifichi in qualcuno di essi?

 

NON sei ancora pronto, se:

  • La tua principale preoccupazione è ottenere un maggior numero di fan sulla tua pagina Facebook aziendale.

Consiglio: dai precedenza, invece, all’interazione con il tuo pubblico impostando una corretta strategia di content marketing.

 

  • Consideri il tuo profilo Facebook o l’account Twitter come “luoghi” esclusivi dove dialogare con i potenziali clienti.

Consiglio: appena puoi ridireziona le discussioni sul tuo sito e/o ottieni i dati di contatto dei potenziali clienti mediante un’apposita landing page.

 

  • Non hai ancora una strategia o il tuo Social Media Plan è copiato pari pari da un caso di successo ispirato da un’altra azienda.

Consiglio: non esiste una soluzione universale. Ogni azienda ha le sue necessità e peculiarità che vanno analizzate a fondo prima di agire. Se desideri, posso darti una mano anche in questo :)

pmi-socialmedia-pronte

 

  • Hai già elaborato una strategia di massima ma non ti sei dato dei chiari obiettivi qualitativi e quantitativi a 3-6-12 mesi.

Consiglio: dove vuoi arrivare? Per comprendere dati alla mano se le tue attività sui Social sono state efficaci, devi prima darti degli obiettivi numerici sufficientemente precisi. Utilizzare strumenti come Google Analytics o Social Mention può essere un primo passo per iniziare.

 

  • Dopo aver aperto vari canali aziendali sui Social Media, poi non sai cosa pubblicare per mantenerli “vivi” ed interessanti per il tuo pubblico potenziale.

Consiglio: metti nero su bianco una prima bozza di piano editoriale che ti consenta di allineare i contenuti che pubblicherai con gli obiettivi di business che ti sei prefissato.

 

  • Non hai individuato le figure responsabili (interne e/o esterne) dell’utilizzo e della manutenzione dei tuoi profili Social.

Consiglio: aprire nuovi canali di interazione con il pubblico senza avere le risorse per seguirli è come darsi la famosa zappa sui piedi. Individuare i giusti ruoli e tempistiche è fondamentale per non trovarsi impreparati in caso di crisi di immagine.

 

  • I tuoi clienti ancora non sanno che hai aperto un profilo su [inserire social media preferenziale].

Consiglio: pubblicizza i nuovi canali online anche sul tuo materiale offline (firma in calce alle mail, carta intestata, cataloghi, biglietti da visita, vetrofanie in vetrina, ecc.). I tuoi strumenti di marketing tradizionale devono rinforzare la tua immagine online, e viceversa.

 

  • Non sai sei i tuoi clienti e/o competitor hanno già una loro presenza su [inserire social media di riferimento].

Consiglio: ti suggerisco di utilizzare alcuni semplici strumenti per monitorare le discussioni riguardanti il tuo settore di riferimento. Ho già trattato l’argomento in questo articolo.

 

  • Credi che investire nella realizzazione e pubblicazione di un video virale su Youtube possa essere sufficiente per far conoscere la tua attività al grande pubblico.

Consiglio: un video non è mai “virale” per definizione. La cosiddetta viralità deriva dalle informazioni in esso contenute: informazioni che devono essere facilmente comprensibili, condivisibili ed utili per il tuo target. In ogni caso, un singolo video (anche se realizzato con tutti i crismi) non equivale a un piano di comunicazione di successo.

 

  • Credi che non ci siano problemi nel chiudere i tuoi profili social da un giorno all’altro in caso di [inserire causa]

Consiglio: in questi casi mi piace utilizzare la metafora del matrimonio. Se decidi di utilizzare i media sociali a fini promozionali, ricordati che non si tratta di un’avventura di una sera ma di un impegno (potenzialmente) a lungo termine. Se ti impegni ad utilizzarli, è altamente sconsigliabile abbandonarli dopo poco tempo o alla prima difficoltà. In tal caso il coniuge (cioè i tuoi clienti, o potenziali tali) ti chiederà i “danni” per abbandono del tetto coniugale :) In parole povere, quando si decide di essere presenti sul Web, è opportuno essere costanti.

 

  • Non consideri la possibilità di utilizzare i tuoi profili come strumento per rispondere alle richieste di informazioni del tuo pubblico.

Consiglio: vi è un abitudine abbastanza diffusa nel pubblico di voler ricevere risposte quasi in real time, ad esempio all’interno di social “veloci” per antonomasia come Twitter. E’ necessario prevedere degli slot di tempo (1-2 volte al giorno) per verificare la presenza di eventuali richieste in sospeso.

 

  • Credi che i Social Media possano essere utilizzati praticamente a costo zero, senza aver bisogno di prevedere nessun budget di sostegno.

Consiglio: ti basterà leggere questo recente articolo di NoLimitMarketing per avere un quadro più chiaro della situazione.

 

NON E’ (ANCORA) TROPPO TARDI

 

Se ti sei identificato in uno o più degli indizi di cui sopra, sappi che non sei solo!

In base alla mia esperienza diretta, la gran parte delle aziende non si pone questi interrogativi prima di attivare una qualsiasi strategia di social media marketing. I Social Media sono dei potenziali game changer, cambiano le modalità con le quali il pubblico si rapporta e comunica con le imprese, piazzano la pietra tombale definitiva sul concetto di marketing unidirezionale.

Non si tratta più di semplice business, occorre tenere in considerazione le esigenze delle persone. Non puoi ignorarle, altrimenti saranno loro ad ignorare la tua azienda.

In conclusione, il mio consiglio è questo: meglio affrontare subito tali problematiche piuttosto che dover modificare in corsa la strategia. Un piano di marketing che comprende l’utilizzo dei SM non può basarsi su azioni random ma deve partire da una chiara visione d’insieme su obiettivi, strumenti e tattiche d’azione.

Risultati significativi non possono verificarsi da un giorno all’altro, e non accadranno mai se non prevedi un’attenta pianificazione.

E tu, sei pronto?


Se ti serve un aiuto per pianificare la tua prima strategia o se hai bisogno di consigli per proseguire la tua attività di promozione sui Social Media, puoi contattarmi senza impegno.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti Google+

About Carlo Mazzocco

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER per ricevere anche i prossimi!

  • http://twitter.com/doravanelli dora vanelli

    Carlo sei sempre chiaro e lineare nell’esposizione dei contenuti. Bel post

    • http://www.carlomazzocco.com/ Carlo Mazzocco

      Grazie a te Dora per seguirmi :)

  • Pingback: Social Media: Le PMI Sono Pronte? | pmi - small office | Scoop.it

  • Pingback: Social Media: Le PMI Sono Pronte? | Consulente moderno | Scoop.it

  • http://twitter.com/albezln Alberto Beccaris

    esattamente: gestire la conversazione in prima persona oppure la conversazione che riguarda la tua azienda verrà gestita da altri. Concordo con tutti i 12 indizi ma aggiungerei anche: non sei ancora pronto se non hai iniziato a considerare il ROI in una prospettiva radicalmente diversa da quella del marketing tradizionale.

    • http://www.carlomazzocco.com/ Carlo Mazzocco

      Hai ragione Alberto, ottima precisazione! Sono d’accordo anche quando dici che la conversazione da e con il web va gestita e monitorata in prima persona dalle aziende. Ho visto ormai troppo spesso una gestione approssimativa e ‘alla buona’. Speriamo si entri in un nuovo ordine di idee il prima possibile :)

  • http://twitter.com/mscarico Marinella Scarico

    bellissimo articolo!perfetto!