Ecommerce: Sfida Soltanto Digitale?

villa-ottoboni-padova

In un contesto di piccole e medie aziende italiane poco strutturate per gestire le nuove sfide dell’economia digitale, parlare di ecommerce potrebbe sembrare difficile.

La verità è che dobbiamo recuperare tempo e terreno perduto rispetto ai competitor europei e mondiali. Ma non tutto il quadro è negativo: ci sono spazi di sereno per l’immediato futuro.

Ciò è stato affermato da Alessandro De Marco (coordinatore Area Marketing/Comunicazione di Linkness) durante un interessante seminario tenuto lo scorso mese presso Villa Ottoboni a Padova all’interno dell’evento “Business Innovation Hub”.

ecommerce-sfida-digitale

 

ECOMMERCE: UNA SFIDA CULTURALE

La presentazione di Alessandro inizia con alcuni interessanti dati sullo stato dell’ecommerce a livello mondiale:

  • Più 20% rispetto all’anno scorso grazie all’apporto fondamentale dei Paesi asiatici
  • 1500 miliardi di dollari di valore (soprattutto grazie ad India e Cina)
  • Aumento parallelo della frequenza d’acquisto

E l’Italia come si difende?

  • 3 miliardi nel 2013 soprattutto grazie a leva di prezzo aggressiva
  • Più 6% rispetto al 2012
  • Grande importanza dei device mobile (smartphone e tablet)

 

ecommerce-in-italia

 

Ma come sono ripartiti i fatturati? Quali sono i settori e le aziende per i quali l’uso dell’ecommerce è o rappresenterà un fattore di vantaggio competitivo?

  • 54% per entertainment e gioco online
  • Turismo 27%
  • 3% centri commerciali
  • 2% di alimentare, in crescita

Questi sono invece in numeri della ripartizione degli investimenti per il 2014:

  • 35% in marketing e promozione
  • 21% per l’ottimizzazione della user esperience
  • 11% mobile
  • 3 % customer care e logistica

Lo sviluppo di app rimane forte e supera addirittura la quota dì investimenti per la promozione via mobile.

business-innovation-hub-padova

 

LA COMMISTIONE TRA NEGOZIO DIGITALE E PUNTO VENDITA

Online ed offline non dovrebbero più essere considerati come “mondi” separati: la customer experience può svilupparsi e rafforzarsi su entrambi i lati della medaglia.

Un interessante esempio è quello di Mango, che vende solamente online parte della sua collezione di abiti, spesso in anticipo rispetto a quello che si può trovare nei suoi punti vendita fisici!

 

LE PRINCIPALI PROBLEMATICHE

La promozione online del brand è un’attività percepita ancora come insoddisfacente (conversion rate medio dell’1.9%).

Il 25% dei negozi ecommerce non indaga sui motivi delle mancate conversioni. Il problema è soprattutto la non chiarezza sulle conseguenze delle azioni che il potenziale cliente effettua sull’ecommerce (“cosa succede dopo che ho premuto questo bottone?”). Non bisogna mai essere ambigui e utilizzare delle call to action trasparenti anche per l’utente medio.

 

TREND PROMOZIONALI, CONVERSIONI E FONTI DI TRAFFICO

Ecco alcune percentuali di ripartizione della spesa sugli strumenti per la promozione degli ecommerce:

  • 28% in keyword advertising
  • 14% SEO
  • 15% email marketing
  • 15% social media
  • 11% comparatori di prezzo
  • 4% affiliazioni
  • 2% stampa radio e TV

 

Quali sono invece le strategie di conversione più utilizzate?

  • 63% flash sales
  • 49% spedizione gratis con soglia di spesa minima
  • 47% buoni e voucher
  • 44% ottimizzazione layout grafico
  • 22% spese di spedizione gratuite

 

Vediamo infine quali sono le fonti di traffico migliori in termini di conversione:

  • Traffico organico 53%
  • Paied advertising 37%
  • Email marketing 34%
  • Comparatori 20%
  • Facebook 11%
  • Display advertising 6%
  • Blog 5%

 

Un dato che fa riflettere: Twitter e Pinterest oggi, in Italia, portano ZERO conversioni secondo le aziende che utilizzano l’ecommerce.

Cosa ancora più grave: ben il 57% dei player italiani non sfrutta i mercati esteri: solo il 22% ha un sito multilingua, 17% sono multinazionali e il 4% vende grazie anche a sedi all’estero.

 

ESEMPI DA SEGUIRE

Luisaviaroma

Vendono online le collezioni che nel negozio fisico non sono ancora presenti!

Velasca

Producono scarpe di qualità italiane, personalizzabili, a metà prezzo. Si tratta di un’associazione di artigiani della Riviera del Brenta che hanno compiuto il grande “salto” e hanno deciso di vendere online i propri prodotti.

I numeri, seppur ancora limitati, stanno iniziando a dar loro ragione: l’ecommerce è attivo da maggio 2013 e ha già portato circa 50.000 euro di fatturato.

Come Rendere Accessibili le tue Email

rendere-accessibili-email

Molte campagne di digital marketing, indipendentemente dalla piattaforma da cui provengono, non tengono conto dellaccessibilità, scelta che lascia fuori gioco gran parte dei possibili utenti che hanno delle problematiche nel relazionarsi con il mondo digitale nello stesso modo delle altre persone.

[Read more...]

Podcast: 20 Trend di Web Marketing

podcast-trend-web-marketing

 In questa quinta puntata del mio podcast analizzerò in breve 20 punti interessanti sul futuro prossimo del web marketing (tratti da una ricerca dell’agenzia americana WebDAM).

I 20 punti sono suddivisi in 4 “filoni” logici:

  • Cosa aspettarsi nel prossimo futuro
  • I trend che caratterizzeranno il marketing mix
  • Il rapporto fra aziende e pubblico online
  • Il potere delle immagini

Tutti questi tasselli, considerati nel loro insieme, aiuteranno a comporre il puzzle dei trend che dovrebbero caratterizzare il marketing online delle aziende italiane nei mesi a venire.

[Read more...]

Social Media: Come Possono Aiutare le PMI?

social-media-aiutare-pmi

Uno dei più grandi equivoci che persiste nelle piccole e medie imprese è che solo i grandi marchi possano permettersi un utilizzo del marketing (in generale) e dei social media (in particolare) per promuovere il marchio e i loro prodotti.

Avere un budget e risorse adeguate è sicuramente un punto di partenza fondamentale ma, con un minimo di pianificazione e inventiva, anche le PMI possono avere successo in questo campo.

In questo articolo ti indicherò 5 suggerimenti per una presenza social che aiuti la tua azienda a “brillare” rispetto alla concorrenza.

[Read more...]

7 Cause che Fanno Fallire un Piano di Social Media Marketing

piano-social-media-marketing

Uno studio del 2013 di Social Media Examiner ha rilevato che l’86% dei marketer ritiene i social media importanti per la promozione delle loro imprese. I professionisti intervistati hanno quasi tutti avviato iniziative di social media marketing per connettersi con clienti, potenziali clienti e influencer attraverso Facebook, Twitter, YouTube, Google Plus e LinkedIn.

Ma se queste iniziative sono così importanti, perché molte di loro non riescono a portare valore alle aziende? Perché non si riesce a creare un miglioramento misurabile per determinati indici importanti per il business aziendale? 

Ecco 7 cause che potrebbero causare una débacle:

[Read more...]